Scrivere

Destino capriccioso

Giacomo Scimonelli
(Amore)

Leggere e tremanti
scivolano parole lungo i fianchi

sulla pelle calda
trema e si concede
il brivido aggrappato al piacere

gocce di miele straripano...
bastano pochi sospiri
che sfiorando appena labbra arrese
la fantasia e la passione rapiscono.

Insistenti carezze
nel buio intimo della mente, timida e bollente,
supplicante e viva, non si rassegnano,
rifioriscono e urlano

accecate dal desiderio
e da inaudita attrazione
non domandano l’età
non volgono lo sguardo a ieri

sono carezze di oggi
carezze disegnate da un semplice sorriso...
un sorriso che stravolge
inconsapevole e improvviso
che senza colpa cattura
riaccende sopiti desideri e al cuor non bussa.

Leggere e tremanti
scivolano lacrime lungo le guance...

è questo il destino

il destino capriccioso
di attimi indimenticabili

attimi che diventeranno un ricordo

un ricordo tanto dolce
e tanto malinconico.
(153 letture dal 30/06/2020)
Altre poesie di Giacomo Scimonelli

<< scorri poesie >>
<< Giacomo Scimonelli >>
9 commenti a questa poesia:
   «attimi intensi e belli che riaffiorano
da ricordi indimenticabili desideri
carezze sogni nostalgici che
coinvolgono il lettore e toccano
il cuore» di carla composto    «Il ricordo d’un amore ci accompagna per sempre, spesso si trova nascosto da qualche parte e se ne sta quieto ma basta poco, un sogno, un ricordo, un fiore o una canzone a lambire la nostra mente ed è una malinconia che ritorna a farsi sentire forte e incalzante. Bella lirica, piaciuta.» di Maria Luisa Bandiera    «Il cuore e la mente rimangono giovani e ancora tremano traboccano pensieri al ricordo o nel sogno di carezze che, purtroppo, non possono ripetersi nella realtà, ma forse per questo sono ancora più preziose. Nostalgia e malinconia ma anche bellissime e preziose immagini che emozionano. Bellissima poesia» di Lidia Filippi    «Un sogno di un amore impossibile o realtà? O forse sono ricordi di momenti estasianti che tornano prepotenti nella mente a rintuzzare il lancinante desiderio e la nostalgia di labbra e carezze dolci ed estenuanti. O talora tanto tormentosi da lasciare un’immensa malinconia e lacrime che scorrono senza nemmeno accorgersi e senza poter far nulla per fermarle. Piangere per amore non credo che sia peccato, nemmeno per un uomo. Una poesia colma di dolce malinconia e rimpianto. Versi che ho molto apprezzato.» di Vivì    «Sognare, al nostro poeta piace trascinare il lettore nel suo mondo, dove fantasia e ricordi s’incrociano e lasciano l’amaro in bocca! VERSI MALINCONICI!» di Marinella Fois    «La mente non si estranea mai da intriganti momenti d’amore
del passato, e quelle immagini insistenti, impresse nel profondo,
lasciano trapelare un senso di immensa nostalgia, per la mancanza
di attimi speciali con l’amata, portatori di energia e benessere interiore,
che donano un colore marcato alla vita che scorre veloce...
Poesia molto apprezzata» di Silvia De Angelis    «Un ricordo... soltanto un ricordo dolce e malinconico è quello che rimane di una storia d’amore, il destino capriccioso tende la sua trama ed è ineluttabile, la storia non si può cambiare.
Il ricordo è stato un sogno oppure tangibile realtà che si può custodire perennemente dentro lo scrigno del cuore? Non bisogna vergognarsi per avere il viso bagnato di lacrime. Le lacrime sono perle salate che scendono dolcemente dagli occhi, sono emozioni che non si possono celare. Non sono sinonimo di fragilità ma di forza perché ci vuole tanto coraggio a mostrare i propri sentimenti. Poesia da me molto apprezzata per la dolce struggente malinconia che si deposita nell’anima di chi legge.» di Sara Acireale    «Una poesia mirata ad evidenziare come non sia possibile rassegnarsi nell’animo e nella mente quando la persona più cara sparisce. Fa scaturire evidenti sentimenti di mancanza liberi e lampanti, manifestati con la grazia dell’abile poeta. Versi molto armonici.» di Alessandro Sermenghi    «Un ricordo d’amore che si fonde in un sogno nostalgico come un capriccio del destino l’abile Poeta sa coinvolgere il lettore in eleganti versi!» di Giovanni Ghione
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.