Scrivere

Quell’amore che ha sempre desiderato

sergio garbellini
(Amore)

“Il sabato ti vedo in discoteca
che te ne stai in disparte solo, solo,
mi sembri malinconico, depresso,
invìtami a ballare e ti consolo! ”

Così gli disse Azzurra a quel cliente
che l’osservava senza mai parlare,
il quale le rispose gentilmente:
“Mi spiace, non ho voglia di ballare! ”

Aggiunse Azzurra sempre più curiosa:
“Dev’esserci un motivo ben preciso
se il sabato tu vieni in discoteca,
almeno fammi un minimo sorriso!

Gli uomini mi cercan tutti quanti,
li faccio divertire sulla pista,
mi chiamo Azzurra, tu come ti chiami?
Mi sembri un tipo alquanto fatalista! ”

Rispose lui in tono premuroso:
“Se usciamo, poi ti spiego la ragione! ”
... E fuori dal locale l’uomo disse:
“Mi chiamo Orlando, sono in depressione

da quando è morta la mia convivente,
ragazza dolce, splendida, gentile,
con lei vivevo sopra al paradiso,
aveva tenerezza e un certo stile!

Non mi faceva mai mancare niente,
mi dava tanta gioia e tanto amore,
stavamo bene insieme ogniqualvolta
che ci univamo spinti dall’ardore!

Purtroppo un brutto male l’ha stroncata
all’improvviso e l’ha portata via ...,
da quel momento io non son più io,
in casa vado sempre in agonia!

Con lei venivo spesso in discoteca,
il sabato e le feste più importanti
e ballavamo stretti, cuore a cuore,
ricordi veramente strabilianti!

Per questo torno qui, per ricordare
le scene insieme a lei, i suoi sorrisi,
i baci e le carezze sulla pista,
bellissimi momenti condivisi!

Ti chiedo scusa, son partito in fretta
parlando delle cose personali
che a te non interessano di certo,
son sfoghi prettamente naturali

quand’uno resta solo e in piena crisi! ”
Azzurra l’ascoltava a capo chino,
quel genere d’amor che lei sognava,
in un rapporto vero, genuino!

Desiderava tanto essere amata,
purtroppo aveva avuto solamente
molteplici, sgradevoli avventure
e tutte chiuse in modo repellente!

D’un tratto qualche lacrima di pianto
le scese lungo il volto vellutato,
Orlando se ne accorse e fu colpito,
le chiese: “Sono stato indelicato?”

Rispose Azzurra: “Tu non centri niente!
M’hai risvegliato il senso dell’amore
di cui non ricordavo l’esistenza,
ho un mare di mestizia in fondo al cuore!

M’hai visto in discoteca scatenata
ballare con chiunque sulla pista,
ma l’anima era piena di dolore
ed il morale a terra, pessimista!

Ti faccio una proposta conveniente:
Tu stai soffrendo per la nostalgia
e vivi di ricordi del passato,
entrambi siamo senza compagnia,

accèttami, così non sei più solo,
farò l’amante con la gioia in cuore,
in cambio voglio un piccolo favore:
...‘regalami una favola d’amore’! ”
(75 letture dal 30/06/2020)
Altre poesie di sergio garbellini

<< scorri poesie >>
<< sergio garbellini >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.