Scrivere

"Un veleno"

Stefano Drakul Canepa
(Amore)

Anche la strada
sapeva del mio male
quando accarezzavo
i capelli neri

Appena prima
del tramonto e il cielo
era una nuvola scura
senza promesse

Da fare al mattino
così lontano
da far paura
ai presagi di morte

Anche la luna
sembrava un veleno
che entrava nel sangue
lentamente

Come canto d’amore.
(108 letture dal 29/06/2020)
Altre poesie di Stefano Drakul Canepa

<< scorri poesie >>
<< Stefano Drakul Canepa >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.