Scrivere

Agosto

Luigi Ederle
(Introspezione)

L’anima si stacca
dalle sue paure,
la carne mia va
a due passi dal cielo
e nell’azzurro limpido
si ferma per sognare,
mi sorprende il tramonto,
mi prende per mano
e su sconnessi sentieri
mi porta alla, mia, realtà.
Mi vesto di un sorriso, pesante,
guardo la valle e la città ...
che mi aspettano.
(62 letture dal 20/08/2019)
Altre poesie di Luigi Ederle

<< scorri poesie >>
<< Luigi Ederle >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.