Scrivere

Bianca ebbrezza

Stefania Siani
(Introspezione)

Sporcherò i muri
coi colori della nostalgia,
mentre il vuoto dilania e squarcia
l’ultimo telo della mia resistenza.
Cadranno l’effigi
di un amore palesato al vento,
come piuma sparpagliata e confusa.
E modellerò
le zolle riarse
in sentieri nuovi,
gli alberi bruniti
in rigogliose chiome.
Di sofferenza e fretta
svestirò il mio tempo,
mentre nuove ore
dipanano bianca ebbrezza.
E mentre il cielo scrolla
Il suo ultimo tramonto,
gocce di rugiada imperlano
una nuova alba
e un nuovo giorno.
(37 letture dal 18/08/2019)
Altre poesie di Stefania Siani

<< scorri poesie >>
<< Stefania Siani >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.