Scrivere

La forza che ho dentro

Daniela Dessì
(Introspezione)

Immenso il mio bisogno d’amore
che travalica ogni sensibile spazio percepito.
Particelle d’aria in vacanti brezze d’irremovibile moto.
Angusta è la prigionia che svuota il profumo di un fiore
in recinte mura di un giardino
che il verde ricordo sparge lontano tra i semi della memoria,
sfilati dalle mani,
come grani di un rosario.

La mia fede è amore per la vita che mi si nega,
amore respinto per ciò che ho perso e rimpianto,
amore che il tempo non può trattenere in un bacino
pieno d’acqua putrida.

Voglio tuffarmi nel mare che non conosce rive,
senza un approdo in cui ormeggiare la barca dei miei pensieri,
lasciarli tornare all’innocenza primitiva.
Voglio svestirmi delle illusioni, troppo appesantite dai fiumi di rapide violente,
finite sommerse dalla portata che agita il vivere.

Mi basta il respiro di un attimo,
la luce di occhi socchiusi che dormono il sonno di una notte,
ma al risveglio
accarezzano la vita,
come fosse la prima volta,
con un battito d’ali.
.

.
(56 letture dal 17/08/2019)
Altre poesie di Daniela Dessì

<< scorri poesie >>
<< Daniela Dessì >>
2 commenti a questa poesia:
   «Con tanto coraggio e forza adamantina l’autrice, attraverso immagini forti ed incisive, va alla ricerca ad ogni costo dell’amore, di quell’amore inossidabile che la renderà libera e lontana da quella solitudine che attanaglia l’anima e che toglie ogni possibilità di vita. Versi introspettivi profondi ed intensi stilati con mano ferma e sicura. Lirica che induce ad un’attenta riflessione.» di Alberto De Matteis    «Una bella poesia, l’autrice con sofferenza ma grande forza d’animo si spoglia del superfluo, per abbracciare ciò che conta davvero, l’amore per la vita, per il prossimo, per le piccole cose, per l’attimo innocente e pieno che troppo presto la realtà del duro vivere ci porta via.» di Claretta Frau
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.