Scrivere

La colonia

Giovanni Ghione
(Introspezione)

Adesso dove sei o mia infanzia?
ti ho perso nella lunga lontananza

ma tracce son rimaste tue e mie
un cuore di bambino batte nelle poesie

ricordi amico mio le colonie estive
nella mia mente sono ancora vive
le recite le corse e le invettive
le preghiere con le suore sempre attive

era una gioiosa bella estate
al mare o in montagna dove ci trovavate
con le grandi camerate
la mensa e le passionali tavolate

i giochi in spiaggia o in un verde prato
paese d’aria pura sognato e risognato
anche Garessio un poco è cambiato
colonia in decadenza sentore d’usurato

ma l’acqua San Bernardo sgorga ancora
e la colonia non è più quella d’allora!
(56 letture dal 16/08/2019)
Altre poesie di Giovanni Ghione

<< scorri poesie >>
<< Giovanni Ghione >>
6 commenti a questa poesia:
   «Ricordi dell’infanzia lontana, dell’età più bella quando tutto era gioia, quando tutto era gioco e la meraviglia si dipingeva sul viso e gli occhi sorridevano al domani.
È un’età perduta ma che possiamo ritrovare guardando gli occhi dei bambini, osservando il loro sorriso e i loro giochi e poi... bisogna pensare che i ricordi dell’infanzia ce li portiamo dentro il cuore per tutta la vita.» di Sara Acireale    «Immagini e ricordi, una mistura di sentimenti che l’autore trasmette al lettore, quasi a prenderlo per mano e portarlo con sé. Plauso al poeta!» di Marinella Fois    «i ricordi dell’infanzia rimangono nel cuore
ritornano con gli schiamazzi allegri nella mente
passano gli anni ma, eccoli riaffiorare
anche i capelli bianchi ne sorridono ancora .
complimenti bei versi!» di Stefana Pieretti    «ricordi bellissimi d’infanzia che
seppur lontani riaffiorano
nella mente del bravo poeta
elogio sincero» di carla composto    «Finalmente fuori in vacanza liberi come l’aria, il cuore pieno di colori, spazi di sogno, di parole confidenziali, venti nuovi di amicizie... Voci e volti che ritornano freschi come il ruscello che canta nel suo scorrere. Ciò che si è vissuto e amato non scolora con il tempo come la baia del cuore dove il navigare intenerisce dolci pensieri di un’età colma di armonia. Complimentissimi!!!» di Julie    «I ricordi di ieri, legati alla propria infanzia, tornano prepotenti e aprono la porta alle emozioni... ricordi che si accendono quando il pensiero riabbraccia le giornata trascorse in colonia... quando ci si divertiva, spensierati e liberi... la gioia riempiva quelle giornate e adesso un velo di tenera malinconia avvolge la mente e il cuore... Versi apprezzati e coinvolgenti... mi hanno fatto pensare alla mia infanzia... e per questo ti ringrazio Poeta...» di Giacomo Scimonelli
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.