Scrivere

Equilibrio precario

Stefania Siani
(Introspezione)

Mentre ancora ti penso,
inciampa e fugge
il mio precario equilibrio,
vecchia croce
che stancamente trascino
e mal sopporto.
Piange la mia anima,
sciolta in rigagnoli
di luce lieve e lenta
e, mentre il sole buca
un cielo a tratti tinto
di luce amaranto,
pollini di nuove stagioni
volano tra le ali
di variopinti uccelli,
alla ricerca di nuovi nidi.
E cosi dalla vita guardinga,
e senza soste
stanca la mia ombra
si accomiata
e lascia la scena.
(38 letture dal 15/08/2019)
Altre poesie di Stefania Siani

<< scorri poesie >>
<< Stefania Siani >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.