Scrivere

Ricordi

rosa dagostino
(Riflessioni)

Quanti ricordi!
diciassette anni,
il tempo dello studio, del diploma,
e te, l’amore di una vita.
Mi brillavano gli occhi al vederti,
al sentirti una forte emozione.
Mi chiamavi con buffi soprannomi
ma ero la tua vita
e tu la mia .
son passati gli anni
sei
interminabili,
il servizio militare,
la lontananza
e poi lo studio, gli esami, l’università
e poi i contrasti,
e poi le lacrime,
la gelosia, e te ne sei andato,
neanche il coraggio di dirmi perchè...
un po' mi amavi
un po' no.
poi ti sei lasciato trascinare,
hai chiuso quella porta e te ne sei aperta un’altra.
Forse è stata più furba di me
forse eri stanco di essere ostacolato.
Mi hai rivista dopo tanti anni, un volto triste, sofferente, ma pur sempre bello.
lei ti siede accanto,
un volto sprezzante,
di chi ha ottenuto tutto
malgrado tutto.
Hai visto le mie foto,
hai letto i miei scritti,
forse anche un colpo al cuore
poi hai chiuso la finestra.
Forse hai avuto paura,
forse non ti senti libero
neanche per guardare,
forse non hai dimenticato
ma anche io ho chiuso la finestra,
lascio entrare il sole,
per un breve attimo, la nube ha oscurato il cielo,
una pioggerella ha bagnato il mio viso,
ma non era la pioggia
era solo una lacrima l’ultima rimasta
dopo averne versate tante
in un mare in tempesta.
Il tempo non torna indietro,
gli anni passano, la bellezza sparisce
i sentimenti restano.
addio.
(24 letture dal 11/07/2019)
Altre poesie di rosa dagostino

<< scorri poesie >>
rosa dagostino >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.