Scrivere

"Legno di brace"

Stefano Canepa
(Erotismo)

Sono stato l’amante delle ombre
quello che prendeva fiori
senza pagare mai
se non col sudore del buio

Ho regalato baci
lucidati di fronte a uno specchio
e frustato parole
dopo aver arrossato la pelle

Sono stato l’ombra che svanisce
prima del mattino
quando le stelle si accendono
e la strada del ritorno stride

Ho domandato pace
senza ricevere che promesse
di fronte alle nuvole rosse
in ginocchio sul legno di brace

Acceso col fuoco della saliva.
(506 letture dal 11/07/2019)
Altre poesie di Stefano Canepa

<< scorri poesie >>
<< Stefano Canepa >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.