Scrivere

Pianeta al Secco

Aldo Messina
(Riflessioni)

Pianeta terra
che dai e dai
e più volte senza
mai pretese,
da l’uomo che non è
contento mai
e sta sempre allerta
e con la luce accesa.

in attesa di prendere
dall’alba al tramonto,
dall’etere al più
profondo abisso
e se potesse andare
oltre il mar profondo
si prenderebbe
anche il chiodo fisso,

il chiodo fisso
e la vite senza fine
che tiene il pianeta
a galleggiare
e che dà luce,
forza e calore
a tutti i pianeti
per non farli scontrare.

E se l’uomo potesse
il chiodo estirpare
anche di quell’asse
si farebbe padrone,
ma per fortuna
che è profondo il mare
e non è facile l’impresa
e la missione
(49 letture dal 11/07/2019)
Altre poesie di Aldo Messina

<< scorri poesie >>
<< Aldo Messina >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.