Scrivere

Huele a pescao’

Arelys Agostini
(Satira)

Me han llamado incrédulo,
mal pensado,
hombre de poca fe, mente negativa,
pero hasta el momento, el tiempo
me ha dado la razón.
.
Esto es para largo, esto está podrido
y para que regrese a su cauce
se necesitaran años y bastantes caídos.
Y no hay quien tenga suficientes palomas
para echarlas a volar, para que salgan a luchar,
exigiendo mejores siembras en el pastizal.
.
Lo que existen son traicioneras ovejas
dentro y fuera de la manada,
inoculados borregos, con el mal de la ignorancia
demasiados lobos rezando en el olivar,
queriendo sacrificar al pastor.
.
Los días por venir dirán,
si seremos capaces de soltar las palomas
y seguir al pastor hacia el buen pastizal,
o seguir pensado en escapar
esperando a los búfalos que nos salvaran.
.
Sí, compadre y me llamaras loco,
pero igual allí te lo dejo y solo te digo,
las valientes palomas hace mucho tiempo
escaparon, por las aberturas del palomar.
.
Ay compadre, ya me voy
porque se va el agua y también la luz
salúdeme al pescado, dígale que se bañe
porque esto, podrido esta

.

SA DI MARCIO
.
M’hanno chiamato incredulo,
mal pensante,
uomo di poca fede,
mente negativa,
ma il tempo m’ha dato ragione.
.
Da tempo tutto è marcio
ed a ché si torni all’origine
ci vorranno anni ed anni e molte cadute.
E non c’è mago che abbia tanti piccioni
che possano volare o lottare
in cerca di pascoli migliori.
.
Son rimaste solo infide pecore
dentro e fuori la mandria,
pecore malate d’ignoranza
e troppi lupi che nell’aia
di veder sbranato il pastore aspettano.
.
I giorni a venire diranno,
se riusciremo a tirar fuori i piccioni dal cilindro
ed a seguir il pastore al buon pascolo,
o continueremo a fuggire
aspettando che ci salvino i bufali.
.
Sì, amico, chiamami pure matto,
pensa pure quel che vuoi, ti dico solo,
che i piccioni coraggiosi, da tempo
son fuggiti dai buchi del soppalco.
.
Oh, amico, ora me ne vado,
perché l’acqua è finita e la luce spenta,
saluta il pesce, digli di fare un bagno
perché sa di marcio.
(57 letture dal 12/06/2019)
Altre poesie di Arelys Agostini

<< scorri poesie >>
<< Arelys Agostini >>
2 commenti a questa poesia:
   «Si, ormai sa di marcio, la situazione si allunga troppo e pare non ci sia soluzione a questo immenso disastro. La nostra sempre brava Autrice utilizzando parole e immagini strettamente autòctone spiega benissimo una tristissima realtà.» di Franca Merighi    «autenticità di sentimenti dove il raccolto ne contorna il pegno amaro che si ha da scontare ...loquace e fantastica per l’argomento che fa tanto riflettere... complimenti,... notevole poesia» di Splendido Leotta Michele
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.