Scrivere

La Fossa dei Leoni

Aldo Messina
(Riflessioni)

La fossa dei leoni
è sempre aperta,
dal primo sole
all’ultimo tramonto,
e in giorni di ballo
anche la notte,
per festeggiare
insieme il resoconto.

E ad uno, ad uno
i seguaci in fila
in quella lunga fossa
van cascando,
illusi di trovare
" pranzi e cene "
insieme, a passo, passo
van cantando.

Ignari della fine
che li aspetta:
cantano ad alta voce
e al richiamo
di scendere altri amici
nella fossa,
dicendo qui più siamo
meglio stiamo!

E i gran leoni
che stanno a guardare
saltano in festa
per i dolci pasti,
guardano il cielo
che non c’è tempesta
e ammolano i denti
e i neri tasti.
(21 letture dal 15/05/2019)
Altre poesie di Aldo Messina

<< scorri poesie >>
<< Aldo Messina >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.