Scrivere

N’antra storia

Nunziata Mannino
(Dialettali)

Si a stu munnu

li petri putissiru parlari

vi narrassiru li passi

di l’omini vasci e di chiddi riali.

Schifiusi i secunni

posanu li pedi ppi forza

pi un s’ammiscari

cu fangu e ca torba.

Spingiunu i mani all’aria pi cumannu

decidunu li liggi e fannu dannu,

di la vita d’antru cu un ijtu su patruni

si sentunu da foresta u liuni.

I primi, inveci, cu la so vanga

ogni gghiornu lassanu a stampa,

cogliunu u sciuri dill’abbunnanza,

ma sulu li ricchi si ni inchinu la panza.

Lassanu, sì, forti la stampa ’ncapu sta terra,

speci quannu i potenti jocanu alla guerra

sciumi di sangu di vittimi ‘nnuccenti

e sulu e sempri tra la povira genti.

Iddi, di veru, fannu la storia

senza ca nuddu ni serba mai memoria.

Puttroppu, supra i libri, di iddi un si parla

pari ca lu munnu funziona sulu cu la riali ciarla.

Traduzione
Se le pietre di questo mondo potessero parlare
vi narrerebbero i passi degli uomini "bassi" e di quelli Reali

Disgustati i secondi, appoggiano per terra i piedi senza forza
per non mischiarsi con il fango e con la torba.

Spingono le mani in aria per comandare
decidono le leggi e fanno danni
della vita degli altri con un dito appaiono padroni
e si sentono della foresta i leoni.

I primi, invece, con la loro zappa
ogni giorno lasciano l’impronta
colgono il fiore dell’abbondanza,
ma solo i ricchi se ne riempiono la pancia.

Lasciano, sì, forte l’orma sopra la terra,
specialmente quando i potenti giocano alla guerra,
fiumi di sangue di vittime innocenti
e solo e sempre tra la povera gente.

Loro, per davvero, fanno la storia
senza che nessuno ne conservi memoria.
Purtroppo, sopra i libri, di loro non si parla
sembra che il mondo funzioni solo con la reale cirla.
(45 letture dal 15/04/2019)
Altre poesie di Nunziata Mannino

<< scorri poesie >>
<< Nunziata Mannino >>
1 commenti a questa poesia:
   «E sarà sempre così, i poveri faranno sempre la storia ma i potenti e ricchi si prenderanno l’onore.
L’ingiustizia, le differenze sociali esistono ancora oggi, anche se camuffate da perbenismo e ipocrisia.
Una lirica in vernacolo che fa riflettere, fa pensare.» di Sara Acireale
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.