Scrivere

Sola

Anna Maria Feliciotto
(Impressioni)

Sussurra, lenta, l’onda
nel lambire la sabbia...
zittisce le stelle
impallidite dall’alba.
Accarezza, lieve, il vento
petali di primule
tremule di brina...
Intorpidisce il sole
strepiti di vita.
Il velo di una nuvola
sfiora il cielo
nel silenzio del giorno
che muore.
Coprono tutto le ombre,
ovattano i pigolii del mondo
che pigro si assopisce.
Ed un altro giorno
scivola via,
silente, come
il manto della morte...
Tutto tace e
culla l’anima mia,
soccorre questa solitudine,
conforta il cuore spezzato.
(77 letture dal 15/04/2019)
Altre poesie di Anna Maria Feliciotto

<< scorri poesie >>
Anna Maria Feliciotto >>
1 commenti a questa poesia:
   «Un sentire che si manifesta in maniera limpida... sensazioni di un’anima sola che osserva il finire del giorno e trova consolazione facendosi cullare dal silenzio... un silenzio che riesce a soccorrere la solitudine di un cuore spezzato ma vivo... un cuore che sente e osserva la vita... e nonostante la tristezza avvolga lo spirito, si accoglie la sera per ritornare a respirare... per contrastare quei rumori del giorno che soffocano... Soli, nonostante tutto con i propri pensieri, grazie ad un silenzio che non infierisce, ma che può diventare una carezza per anima e cuore... Versi intensi che coinvolgono...» di Giacomo Scimonelli
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.