Scrivere

La stanza rossa

Elisa Mascia
(Impressioni)

Il viso attento alla perfezione
nel pulire e attentamente lucidare,
manca lo sguardo di passione,
malinconica non dedita ad amare.
Donna è forse per il tuo egoismo
che neanche un granello di polvere,
rinchiusa in perfetto mutismo,
nella stanza rossa vuoi vedere.
O, forse, sei in attesa dell’amato
stanca ormai da tanto aspettare,
non guardi avanti ma pensi al passato
rimugini, ignara che la vita è donare.

La sedia dinanzi alla finestra è vuota,
cambia in gioia non essere soltanto devota.
(71 letture dal 14/03/2019)
Altre poesie di Elisa Mascia

<< scorri poesie >>
<< Elisa Mascia >>
1 commenti a questa poesia:
   «In questa poesia le assonanze con il sentore dell’intimo divampano.» di Francesco Rossi
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.