Scrivere

"Fino al prossimo addio"

Stefano Canepa
(Amore)

Di nuovo me ne sono andato
lasciando il legno
al posto di un tessuto lucido
cucito per anni

Ancora ho salutato il mondo
appena scoperto
quasi fosse il nuovo ritmo
di una melodia arcana

Ogni volta una porta
da chiudere e poi dimenticare
con i colori del cielo
che si infrangono sulla pelle

Blu per sentire più dolore
e verde per sperare nel respiro
di un vento che mi porti via
fino al prossimo addio

Pronunciato nel silenzio.
(171 letture dal 11/02/2019)
Altre poesie di Stefano Canepa

<< scorri poesie >>
<< Stefano Canepa >>
1 commenti a questa poesia:
   «Tristezza, malinconia, dolore, tutto s’incunea nel cuore e crea sofferenza. Versi bellissimi.» di Ausilia Giordano
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.