Scrivere

Il cane

Giovanni Perri
(Fantasia)

e il cane mi guarda, con quell’andare proprio dei cani di campagna,
solo, dentro la notte sola, l’uomo che cerca l’amico per dividersi:
un piano di rifugio il mio nel suo dovunque stare di casa, aspettarsi niente
per niente abbaiare.
(76 letture dal 12/01/2019)
Altre poesie di Giovanni Perri

<< scorri poesie >>
<< Giovanni Perri >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.