Scrivere

Attimi di Sera

Massimiliano Zaino
(Introspezione)

Fa freddo!... di sera sen va una penombra crudele.
Le mie vitree finestre sogghignano al buio del borgo.

Fiammelle di cene si affacciano timide al guardo.
Ma poi tutto si spegne. Non splende nemmeno la Luna.

Né s’ode vento, o piova; né grida la neve la collera
sua. Né urla la nottola dal spoglio arboscello del tiglio.

Solo d’un tratto ascolto - il bronzo che squilla il rosario;
e so che nemmeno la tortora, che ama giacère

sul campanile, fugge. Non è più l’istante de’ stormi,
l’attimo delle cantiche de’ passeri lieti nel cielo.

Ma viene l’inverno. Dicembre minaccia la neve.
La febbre mi si annida nel cuore d’un debile Sogno.
(17 letture dal 06/12/2018)
Altre poesie di Massimiliano Zaino

<< scorri poesie >>
<< Massimiliano Zaino >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.