Scrivere

La fanfara della poesia

Cesare Moceo
(Riflessioni)

Ascolto l’anima
ancora libera di credere

nella piú sfrenata frenologia

d’assistere al suo crepuscolo
dalla porta delle novità assolute

e concepire con convinzione
l’idea di fagocitare il sapere

nel piacere cinico e geniale
di masturbazioni mentali

Esterno prima che sia tardi

i doni che vivon in me

in speciali regali che m’aiutano
a non smetter mai di sognare

e in quelli
volar di fantasia dentro le speranze

fra gioiose albe e mistici tramonti

E seguo felice la fanfara della Poesia
che allieta le strade della Pace
(22 letture dal 06/12/2018)
Altre poesie di Cesare Moceo

<< scorri poesie >>
<< Cesare Moceo >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.