Scrivere

Angeli di fumo

Rosaria Catania
(Riflessioni)
Tema: "Per aprire un nuovo capitolo nella storia dell'umanità: la cultura della nonviolenza"

Incatenati a ricordi
fra gracili germogli
olezzan di putrefazione
per estenuanti battaglie...
eran carni sdradicate
dai loro affetti.

Da pianti di bimbi circondati
inconsapevoli vittime
annusati, scherniti, umiliati
come carne da macello di scarsa resa.

Ho visto una spiga gialla
germogliar in quel campo ghiacciato e nero
si moriva di freddo e stenti
e mi son vergognata d’esser umano.

L’aria spenta, inaridita...
quegli angeli erano padri mamme nonne e figli
legami di luce, vita e morte
evanescenti creature.

Col capo raso a zero
scheletri su ossa rosicchiate da paura
fame, freddo e terrore
in pochi attimi cessarono il lor respiro
in una nebbia di fumo asfissiante.

L’innafferrabile strano destino
sull’ amara storia dell’eternità
lascerà impronte incancellabili
motori di giudizi...

Tieni il male lontano da te
sarà un portatore del regno.
Ascolta la preghiera,
dietro l’angolo
in ogni curva
ci potrà essere un pericolo
e in ogni passo, ricorda
c’è sempre un angelo
pronto ad arrivare,
un angelo di fumo
(220 letture dal 25/03/2018)
Altre poesie di Rosaria Catania

<< scorri poesie >>
<< Rosaria Catania >>
<< nel tema >>
1 commenti a questa poesia:
   «Il genocidio della shoah... un’ignominia che non potrà mai cancellarsi nella storia dell’umanità. Eppure, nel mondo, continua ad imperversare la violenza in tutti i suoi aspetti e le sue forme. "Perché la cultura politica della nonviolenza presuppone Legge e Diritto, perché una cultura della vita che non sia cultura del diritto, che non aspiri a creare o modificare la legge, può produrre forse martiri non attori della storia. E oggi Diritto e Legge, per poter esistere, per poter essere riconosciute e rispettate, o sono trasnazionali e sovranazionali, o si collocano all’interno dei meccanismi di effettiva interdipendenza economica e politica fra le regioni del mondo o semplicemente non sono". (Da: il potere della nonviolenza).» di Anna Maria Scamarda
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.