Scrivere

Bellum

paolo corinto tiberio
(Riflessioni)
Tema: "Per aprire un nuovo capitolo nella storia dell'umanità: la cultura della nonviolenza"

E fu nel pieno della ragione e scoppiò la guerra
Dirottando mercati s’immolò l’alfiere e il fante
la regina e la torre, non parlo le pedine!

E allora avvenne che un’alba d’agosto
portò un bacione al deterrente,
il ridente ordigno che sembra ghigno ma no è

S’alzò e disse basta! Chi sa, sa e provvede:
un allungo di vite rompendole, bell’invenzione, altroché:
trapianto sogno, visto il bisogno, altrove

Venditi, venditi, aggrappati alla spocchia:
scesero campane sul fiore, a nascondere
solo virtualmente, in fluorescenza a sè stessa cosa
(222 letture dal 24/03/2018)
Altre poesie di paolo corinto tiberio

<< scorri poesie >>
<< paolo corinto tiberio >>
<< nel tema >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.