Scrivere

Ti farò giocare

Saverio Chiti
(Sociale)

Di nascosto al calar del sole
passando sotto gli occhi di carnefici senza mestiere
con un grande sacco sulle spalle
mi avvicino a te, che sei la mia meta.
Non ho cibo da donarti, altri regali ho in serbo per te
che sarai l’uomo o la donna di domani,
per te che sei ora figlio o figlia di questa travagliata terra
dove non esiste misura, al dolore che dilaga...
Ti farò giocare, ancora un giorno in più
e ti farò sognare un mondo senza guerra e senza terrore,
ti porterò sin oltre quel limbo chiamato desio
e farò di te, un bambino felice.
Tante sono le volte che sono partito dal freddo mio paese
con la consapevolezza che avrei rischiato di non tornare,
grande però era ed è il mio piacere
nel vederti felice ai bordi delle strade
nonostante i ruderi della tua città.
Gli occhi tuoi che di luce scintillano
non solo lacrime, ma anche di gioia
quella gioia che spesso latita in chi ha tutto dalla vita.
Ti farò giocare con questi giocattoli che ti porto in dono
e ti farò giocare con i sentimenti di ogni uomo
a cui chiedo solo il perdono
affinché non più bombe siano calate sulla tua testa
- adesso basta!
Questi bambini sono come i nostri figli
e come tali bisognosi di attenzioni...
è così che ancora vi farò giocare, tanti sono i giocattoli
che vi porto in dono, per lo più regalati da cuori amici
perché nonostante tutto, io mai mancherò di venire
in questa terra che mi ha rapito il cuore.
È così che ti farò giocare, con le emozioni di ogni uomo.
(152 letture dal 14/03/2018)
Altre poesie di Saverio Chiti

<< scorri poesie >>
<< Saverio Chiti >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.