Scrivere

La porta

Michele Prenna
(Sociale)

Bussano alla porta
infuriano gelo e tormenta
fuori del calore di casa
che il picchiare desidera.

L’entrata tieni sbarrata
un tempo subito aperta
alle novità che accoglieva
ora respinte dalla paura.

E’ un effetto della violenza
dell’insicurezza in ascesa
che per te chiami prudenza.

Bussano alla porta
e la mano va alla maniglia
per garantirsi ch’è chiusa.
(66 letture dal 13/01/2018)
Altre poesie di Michele Prenna

<< scorri poesie >>
<< Michele Prenna >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.