Scrivere

Una ragazza senza peli sulla lingua

sergio garbellini
(Amore)

“Mi segui da tre giorni e non mi fermi,
sei timido? Oppure c’è un motivo
che non conosco? O vuoi derubarmi
e stai studiando il modo più furtivo?”

Gli disse Carla al suo persecutore,
girandosi e guardandolo sul viso,
il quale le rispose in modo strano:
“Ma non sarò di certo condiviso,

perché è quella parte del tuo corpo
che l’uomo si diverte ad osservare
per la rotondità ... inconsueta,
la guardo e la continuo ad apprezzare! ”

Di fronte a questa futile risposta,
la giovane rispose infastidita:
“Per questo m’hai seguito per tre giorni,
soltanto per la parte a te gradita!

Se, invece, ti mandassi a quel paese,
perché non posso certo denunciarti
per degli sguardi stupidi e volgari,
ma posso certamente schiaffeggiarti!

Tu guardi solamente il posteriore,
così mi stai mancando di rispetto!
Ho tutti gli attributi al posto giusto,
non credi che il mio corpo sia perfetto?

Che critica puoi fare alla mia faccia,
agli occhi, alla mia bocca ed al mio seno?
Le gambe sono belle e sinuose,
ma guardi solamente il lato osceno!

Eppure sembri proprio un bel ragazzo,
simpatico, giulivo, intelligente,
con gli abiti sportivi e il portamento
da classico, metodico, studente,

però ti manca il senso del rispetto
e pure quella certa gentilezza
che serve ad un ragazzo alla ricerca
dell’anima gemella alla sua altezza!

Tu credi che ti posso andare bene?
Oppure il lato B è solo quello
che merita una lode, tutto il resto
è solo da gettare in un cestello?

Allora guarda, stavo proprio andando,
in piazza, dove ho l’appuntamento
col mio ragazzo, pugile famoso,
mi puoi seguire se tu sei contento

continua ad osservarmi il deretano,
però se poi ti vede son sicura,
che lui ti manda dritto all’ospedale
col muso rotto e punti di sutura! ”

Il povero ragazzo annichilito
guardò negli occhi Carla e sussurrando
rispose: “Che peccato, tu mi piaci,
non c’entra il lato B, stavo scherzando,

ma non trovavo l’attimo preciso
per introdurre un magico discorso,
al fine di scambiarci confidenze,
ho rovinato tutto, ... sono un orso!

Adesso chiedo scusa e me ne vado
e tanto più se hai l’appuntamento
non voglio ancor protrarre il mio disturbo,
ti chiedo scusa, sono assai sgomento! ”

La giovane sorrise e gli rispose:
“Son sola, non ho ancora il fidanzato.
se vuoi accompagnarmi stavo andando
a far la spesa nel supermercato!

Però non mi guardare più di dietro,
perché il mio viso non ha alcun difetto! ”
Il giovanotto disse, sorridendo:
“Sei degna del più vivido rispetto! ”
(174 letture dal 13/01/2018)
Altre poesie di sergio garbellini

<< scorri poesie >>
<< sergio garbellini >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.