Scrivere

La valle del pianto

Giovanni Monopoli
(Sociale)
Tema: "“Lascia che io torni a respirare, e mai così tanto saprò apprezzare la vita. -Marina Gaddi "

Un sorriso amaro si cela nel buio
una finestra socchiusa al mondo
umile spiraglio, fioca luce
coi pensieri a vagare nel senza
tra briciole di sole
nel cielo colmo di speranza.

Tra i passi... un viso,
la lettura d’anima inquieta
con parole a sfuggire, smarrire
nel limbo d’una infelice esistenza.

Occhi spauriti s’affossano
nell’oblio d’un vuoto inodore
un abbraccio fugace ma vero
tra i banchi imbrattati di colore,

Linee s’incontrano tra le sofferenze,
sussurrano fiorite carezze,
ma la valle del pianto è lì, ancor grezza
nell’attesa d’un candido sorriso

La vita... un sogno
un cuore a battere senza età
per cancellare nel silenzio le lacrime
per donare un pizzico di felicità
(122 letture dal 15/10/2017)
Altre poesie di Giovanni Monopoli

<< scorri poesie >>
<< Giovanni Monopoli >>
<< nel tema >>
2 commenti a questa poesia:
   «Nel percorso della vita, spesso il buio ha spento la luce... ha smorzato colori e soffocato lamenti.
L’Autore sottilmente va oltre l’ombra verde dell’albero e dei suoi rami, per cercare la felicità d’attimi, si avvicina al cielo con le sue stelle, al mare con le sue gocce d’acqua, al vento della Vita, per il suo correre da un angolo all’ altro del cuore...
Molto apprezzata la Poesia, soprattutto nelle ultime strofe.
Complimenti!! !» di Mariasilvia    «La vita... Un sogno... Una carezza che può donare attimi di felicità se si lascia che questa carezza asciughi le lacrime che il tempo ha lasciato dentro lo sguardo. Vi è un costante richiamo al passato in questi versi, quel passato fatto di dolore, sofferenza, baratro di solitudine ma non di rassegnazione, perché respirando il presente, vi sono per il futuro, barlumi di speranza da cogliere in un sorso di vita.» di Rosanna Peruzzi
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.