Scrivere

La soglia

Maria DAlbenzio
(Amicizia)
Speciale: "Raduno 2016"

Aprii quella porta
guardai le mani
tremanti nel buio
del cuore lacerato.
Il disordine era
disarmante.
Aprii gli occhi
su fiori appassiti.
Non avevo tempo
per raccoglierne freschi.
Il baratro era il confine.
Degenerata era l'anima
in volti scuri lì presenti.
Tutto era rovinato,
nel luogo dove
non ci tornai più.
(456 letture dal 13/06/2016)
Altre poesie di Maria DAlbenzio

<< scorri poesie >>
<< Maria DAlbenzio
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «Un verseggiare coinvolgente ed efficace... emozioni forti che toccano l'anima di chi legge... brava... le emozioni arrivano...» di Giacomo Scimonelli
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.