Scrivere

Ancor ti vedo, madre

Maria Rosa Cugudda
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Dai gioiosi stanchi occhi
scivolava a forte gettito
amore per le creature che innanzi
ti si ponevano.

Calde le mani tendevi
a chi con filo di dolore il cuore aveva cucito.

Mai la fede perse vigore,
le perle del rosario
ovunque e in ogni istante tue le facevi,
mentre coi ceri accesi al rombo della tempesta
innalzavi al Signore profonde orazioni.

Poco per te imploravi
sempre degli oppressi paladina,
sempre nascosta, di niente ti adornavi
se non di tenerezza e altruismo.

Fede, famiglia, lavoro erano i tuoi sentieri
e ciò in eredità hai tramandato.

Senza frastuono una mattina d'inverno
hai preso il volo
dove da tempo qualcuno t'attendeva!
(371 letture dal 08/05/2016)
Altre poesie di Maria Rosa Cugudda

<< scorri poesie >>
<< Maria Rosa Cugudda >>
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «una dedica meravigliosa alla propria mamma ad un angelo che non ci abbandona mai bella ed apprezzata» di carla composto
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.