Scrivere

Geoide D'Amore

Anna Maria Scamarda
(Natura)
Speciale: "Giornata della Terra"

Oh Terra, Terra Divina!
Tu che ci connetti all'abbondanza del tuo seno,
cantaci l'amore dei fiori che si levano fino al sole,
e la frescura all'ombra della Quercia...
Tu che Nutrisci di pazienza i tuoi granai d'oro
e ci Inondi il cuore delle tue cascate turchine
a Dissetarci gli occhi!
Tu che travasi di gioiose vendemmie
al canto ubriaco di settembre,
e scaldi i nostri inverni al fuoco della tua legna
quando le bacche rosse ti vestono a festa
fra le nenie di Natale.
Tu, Geoide d'Amore, che ci segui fra le tue strade,
e piangi, quando, trafitta da schiaffi e insulti,
t'accorgi di quei figli tuoi che non han coscienza
dei tuoi Immensi Doni,
e pur, loro, non neghi il tuo nettare.
Come di Madre Regina
che non prosciuga mai l'abbondanza dei suoi seni.
Oh Terra, Terra Divina!
Terra sfruttata per costruir armi da guerra,
Terra che ha pianto fra le braccia stermini,
mentre il cielo lavava il sangue delle tue ferite...
Terra! Dolce- Amara Terra,
lieta sarà la Rosa dei Venti,
da nord a sud,
da est ad ovest,
in ogni contrada,
quando potrà Proclamarti
"Pianeta di Pace".
(429 letture dal 22/04/2016)
Altre poesie di Anna Maria Scamarda

<< scorri poesie >>
<< Anna Maria Scamarda >>
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «Un poetare intenso e suggestivo, ricco di raffinate e originali immagini, che imprimono
un pregio speciale al senso della lirica...
Poesia molto apprezzata» di Silvia De Angelis
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.