Scrivere

La più bella Madre

picciro
(Natura)
Speciale: "Giornata della Terra"

M'immergo
nel fango vitale di terra
respiro tra le radici del tempo
vivendo.

Linfa risucchio
da tenera erba
inalo il sentore
d'umida rugiada.

Atomo sprizzo
dall'acqua d'oceano risalgo
accarezzando i fianchi
di montuosi seni.

Sorvolo
e abbraccio il manto di luce
di naturale bellezza
esplosione d'intorno.

Elevo
un canto di ringraziamento
sulle ginocchia incerte
di Madre Natura.

Non sarà mai avida
mammelle prodighe di sangue
che incaute fauci
continueranno a mordere.

Sarà la terra del mio ritorno.
(472 letture dal 19/04/2016)
Altre poesie di picciro

<< scorri poesie >>
<< picciro >>
<< nello speciale >>
3 commenti a questa poesia:
   «amare e ringraziare sempre l'affascinante Terra e madre natura che la vita modella e nutre nonostante le cattiverie a cui la sottopone l'uomo... versi melodiosi e ben scritti che rendono bene il pensiero dell'Autrice» di Giacomo Scimonelli    «Il Poeta è riconoscente alla GRANDE MADRE per i doni meravigliosi che ci elargisce. È generosa con noi Madre Natura, ci regala bellezza, armonia, fiori e frutta a volontà e poi i monti, i fiumi, i laghi, il mare. Dovremo avere molto rispetto per il pianeta e invece viene degradato sempre di più. Sperò che l'umanità si ravveda e che lo faccia presto» di Sara Acireale    «una dedica un save canto di ringraziameto per quanto madre terra ci dona... versi incantevoli che conservo ...lirica elegantemente stilata elogio al bravo poeta» di carla composto
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.