Scrivere

Canto la Terra

Peppe Cassese
(Natura)
Speciale: "Giornata della Terra"

Io canto questa Terra madre e chiesa
il suo vagabondare nel sistema
l’esatta prolusione di un teorema
che cela nell'assunto ogni sorpresa.

Io canto del raggiro quell'offesa
che le deturpa il volto ed il floema
l'andazzo della vita mia blasfema
la regola dai figli disattesa.

Io canto le sue valli dissipate
i fiumi i gran deserti e il vasto mare
i monti e le campagne avvelenate

i ghiacci e le foreste da salvare
che avvertono con urla disperate
che il mondo è vecchio e stanco di aspettare.
(1459 letture dal 18/04/2016)
Altre poesie di Peppe Cassese

<< scorri poesie >>
<< Peppe Cassese >>
<< nello speciale
1 commenti a questa poesia:
   «Profonda sensibilità e ineccepibile metrica in questa lirica, il cui contenuto è avvincente e commuove... immagini suggestive di notevole cifra. Il mio elogio valente Poeta!» di Anna Di Principe
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.