Scrivere

Luce

Anna Di Principe
(Festività)
Speciale: "Speciale Pasqua"

Il sole è più alto nel cielo

una Nuova Luce
scende a placare la mente
a lungo sconvolta
da un dolore antico e profondo.

Il sale cristiano
sulle ferite dell'anima
non risana ancora
ma permette
la non putrefazione

la via crucis
prosegue.

La vita non muore
sa attendere
la Rinascita.
(585 letture dal 25/03/2016)
Altre poesie di Anna Di Principe

<< scorri poesie >>
<< Anna Di Principe >>
<< nello speciale >>
12 commenti a questa poesia:
   «nOnostante il disincanto e le ferite, nonostante il nostro essere attoniti e sbandati la Luce ci tende la mano per rialzarci e proseguire... il Suo messaggio è sempre forte e attuale attraverso i millenni perché l'uomo è sempre uguale a se stesso...
Quando riusciremo a condividere le croci dell'altro? Quando sarà Pasqua davvero?» di nemesiel    «Testo stupendo d'atmosfere e luce, che la Pasqua sia per noi speranza di rinnovamento interiore e rinascita spirituale. Il mio plauso» di Eolo    «belle metafore... la via crucis continua... ma il perdono ci sarà sempre... versi stupendi che dicono molto lirica di spessore opera che lascia il segno ...elogio» di carla composto    «La via Crucis, un percorso di sofferenza. Un cammino inerpicato e doloroso, poi la morte.
Ma quel sole che splende nel cielo, ha fatto si che si verificasse la Rinascita. Lirica condivisa.» di Donato Leo    «"Il sole è più alto nel cielo" "la Rinascita" questi sono i due versi che aprono e chiudono la lirica dedicata settimana Santa e come metafora alla vita. Una sublime sintesi del concetto Cristiano e della Pasqua segno di "Luce".» di Giovanni Ghione    «E' il cammino che prosegue per tutti noi... irto di spine ed in salita... che spaventa e provoca dolore... ma in fondo al percorso avere il tanto agognato punto di ristoro eterno conforta e tutto sembra più semplice ed alla portata di mano... il tutto perché Qualcuno con il sacrificio estremo ha tracciato per tutti la via.» di zani carlo    «La vita si comprende proprio meditando sulla via crucis, alternanza di successo e umiliazioni, sorrisi e ferite. Versi intensi e bellissimi!» di rosanna gazzaniga    «Rinascita contro il dolore, per una nuova vita all'insegna dell'amore e lontano da tutto ciò che è male. Una poesia di grande intensità spirituale che dona speranza e luce. La poetessa ci regala versi ispirati e delicati, belli da condividere.» di Pagu    «La speranza di una rinascita c'è sempre mai demordere... la via crucisa continua per gli uomini di buona volotnà ... bella lirica piena di continuazione e rinascita» di Patrizia Cosenza    «"La vita non muore/ sa attendere/ la Rinascita" Sono tre versi di alto spessore poetico e che regalano speranza e luce a chi legge. No, non muore la vita per chi crede nella Resurrezione. Colui che morì in Croce ci ha dato l'esempio resuscitando e assumendo sembianze di luce. È questa la Pasqua, la Rinascita del cuore per andare incontro ai fratelli portando in mano il ramoscello della pace.» di Sara Acireale    «L'autrice con questa breve ma significativa lirica ci rammenta la Via Crucis, la sofferenza più vera. Un testo da applausi.» di Umberto De Vita    «La via Crucis prosegue credo raccolta il significato della vita e della vita di questi ultimi giorni; la morte di tanti che si spera almeno possa scuotere l'anima ignava di molti . Saremo uomini di buona volontà! Chissà, forse quel sale cristiano è troppo poco ma personalmente non avverto più nulla che mi faccia credere e sperare. Un sogno di nuova luce forse placherà un dolore che non è più antico ma sempre rinnovato. Sono preso dallo sconforto e mi intristisco tanto. La poetessa ha toccato con questa lucente lirca delle corde che, come in un vecchio strumento musicale, sono ossidate da troppo tempo e chissà se mai torneranno a suonare in accordo con la vital, quella vera, quella di amore e fratellanza. Grazie per il sogno.» di Luciano Capaldo
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.