Scrivere

Eppure sono morto

Saverio Chiti
(Festivita')
Speciale: "Speciale Pasqua"

Eppure sono morto,
solo il cuor mio è risorto
tutto il resto è ormai andato
verso quel che di me, è già stato

No non posso essermi sbagliato
mi sono guardato attorno è ho capito
che semmai avessi avuto ancora dubbi
di quel che rimane, niente è quel che conobbi
un tempo assai remoto,
dove una tua parola mi ha tradito

Adesso non rimane che questo mio immoto
pensiero da far recepire
ha chi tuttora attende il suo Signore
come se io non fossi mai esistito,
come se il mio sacrificio rimanesse vano
per chi tarda il suo cammino e non guarda mai lontano

Eppure io sono morto, e con me anche il cuore
che per te era assai denso di un amore
tanto da consegnarmi al boia, per essere poi risorto
nel nome di un Dio che è padre e figlio,
nel nome di un dio che è consiglio
per chi come te ancora vive, credendosi di stupire.
(1251 letture dal 24/03/2016)
Altre poesie di Saverio Chiti

<< scorri poesie >>
<< Saverio Chiti >>
<< nello speciale >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.