Scrivere

Mimose rosso sangue

Saverio Chiti
(Donne)
Speciale: "Festa delle Donne 2016"

Mimose per te
ho portato le mimose per te amore mio
anche se, a dire il vero piú non rispondi al mio calore
e te ne stai lì sdraiata senza far nulla
oziosa come non mai, come a volermi far arrabbiare...

lo sai che non tollero i tuoi mugugni di perdono
io sono il tuo uomo, l'uomo cui devi ubbidire...
perciò è ciò che dico quel che dovresti fare
invece tu te ne stai lì, distesa sul pavimento
a guardarmi con occhi di spavento

non è così che ti meriti la mia attenzione
dovresti esser più vogliosa delle mie premure
e sempre pronta alle mie impellenze
in fondo non sei che la mia serva
non lo dimenticare...

allora Basta!
E non mi guardare con quegli occhi di spavento
a chi credi di fare paura?
Tu non sei che un piccolo vento
in questo mio mondo d'impetuosa tempesta...

Ehi dai svegliati
non è il momento di dormire
c'è la casa da rassettare, la mia cena che incombe
e... tutto il resto!
Insomma, sei o non sei mia moglie?

Amore? che fai, perché non rispondi?
Dai non l'ho fatto apposta, lo schiaffo è partito da solo
e poi lo sai che quando torno da lavoro sono nervoso
il capo che rompe, e quel collega così zelante
da rendermi assai dura la giornata...

poi scusa, anche tu proprio lì dovevi urtare?
Lo sai quanto è duro il marmo del comò,
scusa ma sei proprio sbadata...
Amore? AMORE? Dai non fare storie
rispondimi ti prego, non è così che si muore...
senza nemmeno una ragione!
(1305 letture dal 08/03/2016)
Altre poesie di Saverio Chiti

<< scorri poesie >>
<< Saverio Chiti >>
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «L'uomo che vuol plasmare la donna come se fosse l'Onnipotente. Le vittime di questi martiri devono essere festeggiate perché la forza delle donne è nel ricominciare.» di Patrizia Muttoni
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.