Scrivere

Le mamme sole

Antonella Scamarda
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Le mamme sole
parlano ai loro figli nel sonno
e li consolano con parole grandi
che al mattino non sapranno ridire...

occhi fragili
sempre schiusi alla luce dell'assenza
sorrisi strappati, come fessure nei silenzi.

Le mamme sole
baciano i loro figli nel sonno
e aprono le finestre alla fanfara del vento...

Un sogno cadrà come sull'acqua
facendo cerchi nel cuore della sera.
(681 letture dal 10/05/2015)
Altre poesie di Antonella Scamarda

<< scorri poesie >>
<< Antonella Scamarda >>
<< nello speciale >>
3 commenti a questa poesia:
   «Le mamme sole sanno subire le ingiustizie paradossali più profonde e non smettere mai di amare e proteggere i loro figli. Spesso si tratta di ricatti affettivi, proprio per la grande importanza che noi mamme rivestiamo nella vita dei nostri figli, ma ai quali non bisogna mai cedere. O di delicatissime problematiche non risolte e assai più intime. Una poesia bella nello stile e nella forma poetica. Dove l'emozione e il sentimento vibrano... come la Verità espressa nei versi.» di Anna Maria Scamarda    «mi fa pensare alle mamme nel cuore
quelle mamme che non hanno mai partorito l'amore
ma lo tengono chiuso dentro, parlandogli ... e penso alle mamme
abbandonate, alle tante mamme a cui i fiori sono stati strappati ...
e a quelle mamme, nate mamme " per amore "...
Emozione pura!» di Patrizia Ensoli    «Le mamme sole, sono quelle madri, che per scelta o per destino sono rimaste sole. Sembra un gioco di parole, ma è così.La sera ricordano i figli nelle proprie preghiere Le mamme sole non chiedono mai nulla, perché sanno, ma in realtà se la raccontano, di quanto e quali siano gli impegni di quei figli che tanto ama. Le mamme sole sanno perdonare e si addormentano senza una carezza col cuore stretto e un desiderio di occhi a lei cari. E' un pugno allo stomaco, questa bellissima lirica, almeno per me che ho una madre "sola" e figli distratti. Grazie...» di Anna62
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.