Scrivere

La mamma è di tutti

Annamaria Gennaioli
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Un ‘essenza nell’aria
è il profumo della mamma,
aroma che imbriglia
e rassicura...
Quante mamme
soffrono a questo mondo,
non possono salvare
i loro bimbi
presi in ostaggio
da cuori senza tempo.
Oscuri presagi
s’appellano all’orizzonte,
nessuno ha il diritto
di far soffrire
una mamma che
protegge e cura
dentro piccoli momenti
irripetibili.
Ma quando la violenza
si fa tuono,
si tuffa dentro l‘anima
per accrescere
il dolore
che squarcia il petto.
Lacrime copiose inondano
il viso, mosche insidiose
lo rendono inguardàbile,
occhi lontani
vorrebbero fare qualcosa,
ma inutile parlare,
il capire non aiuta
per cambiare le situazioni;
e la mamma con la flemma
di un automa,
scaccia quelle mosche
rendendo quel viso
libero, come
un’ immagine
che rende giustizia
a un piccolo orfano
che la mamma ormai no ha più.
Creature unite nel dolore
non hanno nulla da perdere
solo insieme sanno affrontare
quell'amore
che incanta il mondo,
quel tepore
che rende tutti uguali,
quel messaggio d'umanità
che l'umanità stessa
non vuole comprendere,
ma lo si può vivere con l'amore
di una mamma.
(501 letture dal 09/05/2015)
Altre poesie di Annamaria Gennaioli

<< scorri poesie >>
<< Annamaria Gennaioli >>
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «Poetessa che con i suoi versi fa riflettere i lettori. Non tutte le mamme del mondo hanno la fortuna di dare il meglio ai propri figli... I nostri figli sono anche un po' viziati dalla mamma, hanno tutto e pretendono ancora di più. Ci sono mamme, nella parte più povera del mondo, che non possono nutrire i loro piccoli, non li possono dissetare e la loro pena diventa tormento, vedendo il viso del piccolo coperto di mosche, le gambe scheletrite. Non si può fare soffrire così una mamma. Comunque, forse, saranno queste donne, queste madri che si ribelleranno e salveranno il mondo. Almeno, assieme all'autrice, lo spero.» di Sara Acireale
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.