Scrivere

Madre (calda culla)

Jibi
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Era bello il tuo sorriso
e belli i tuoi occhi d’azzurro intrisi
erano il mio cielo terso a primavera
E belli i tuoi capelli color del grano
pronto, alla mietitura
illuminavano il tuo volto
ch’era di cera

Ora, è al soffio del tuo Spirito
che tendo le braccia
e sono qui per Te, inesauribile
Materna gioia infinita
attaccata al tuo cordone
che non si spezza mai

Unica e sola, Tu
capace di tenere la mia vita
legata stretta al sentire del cuore
di far rilucere il mio Amore
come una stella del tuo cielo

Unica e sola, Tu
tra le tue braccia ancora, mi vorrei
calda culla che m’accoglie
quando è sera
(874 letture dal 09/05/2015)
Altre poesie di Jibi

<< scorri poesie >>
<< Jibi >>
<< nello speciale >>
9 commenti a questa poesia:
   «Poesia spendida ed una nota che lascia commossi... anch'essa pura poesia. Ogni altra parola ne guasterebbe la bellezza... da gustare in religioso silenzio» di nemesiel    «Dedica stupenda alla figura materna... la quale dona a noi la vita e l'impronta da seguire...
L'Autrice ripercorre le emozioni vissute con dolcezza ed armonia che solo una madre è capace.
Lei..."Unica e Sola".» di zani carlo    «Vorrei trovare le parole giuste per dare
il giusto rilievo a questa opera di puro amore,
ma non vi sono ... Allora ne gusto il senso, la profondità
e la dolce melodia dei versi, colmandomi di bellezza!» di Patrizia Ensoli    «Dedica che commuove per la delicatezza delle parole che arrivano al cuore, calda culla si è proprio questo una mamma un posto dove ci si sente continuamente coccolati, due braccia fidate che non ci lasceranno
mai. Stupenda la nota! Molto toccante e sentita.» di Ventola raffaele    «Quanta dolcezza in questi versi che scivolano attraverso immagini di commovente bellezza. Quanta tristezza ancorata tra le righe per un pensiero che prende l'anima, e la mano, senza mai lasciarla, coinvolgendo ad ogni passo, in ogni momento. La figura di chi non c'è più... dolce e viva nel cuore di chi ha amato e di chi ama ancora e di chi conserverà negli occhi un viso che mai si sbiadirà.» di Rita Minniti    «Madre, culla eterna del pianto e della gioia, madre fonte inesauribile d’amore, madre che ami di un amore unico e puro, madre che sorreggi e guidi e consoli dal tuo infinito, madre che illumini ancora il mio cammino, questo è il messaggio, questo io leggo nei versi intensi, profondi, sentiti, di Jade.
E se dico questo so di cosa parlo, di versi che non potevano esprimere al meglio un amore così grande!» di Rosetta Sacchi    «Un amore filiale indelebile nel tempo, che vive nella memoria di una figlia attraverso il sorriso e i capelli colore del grano. Struggente la chiusa, che delinea un profondo sentire emotivo con " calda culla che m'accoglie quando è sera "...Intensa lirica con apprezzati assemblaggi lessicali . Il mio elogio all'autrice!» di Anna Di Principe    «sorprendenti emozioni nel divenire diliriche soavi con una dolcezza infinita che porta il lettore a volare e sognare con le liriche suggestive colme di candore inifnito» di massimo turbi    «l'amore di una madre non finisce mai, neanche quando il suo essere ci lascia per andare l'oltre il divino, sentiamo sempre la sua presenza, il suo amarci
dolcemente cullante...» di emiliapoesie39
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.