Scrivere

Tu... sposa... Mamma

Giovanni Monopoli
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Al caldo respiro dell’anima mia
tu mio dolce amore bisbigli tenerezza
dei pargoli la mamma, sei gioia che elargisce
sei il sole nel cuore di tutti, l’allegrezza
sei l’Angelo che ogni momento addolcisce.

Tu, mia dolce compagna,
sei colei dal felice risveglio d’ogni mattino,
tu che delle tue mani sempre s’abbisogna
sei la luce che illumina il cammino

Nelle albe a sorgere, la tua carezza,
i raggi a raggiungere sono nel tuo candore
tu dallo sguardo così raggiante
sei il brillio che s’avvolge con passione
sei il sapore della infinita dolcezza

Tu mia sposa,
tu Mamma,
stupenda figlia del Creato
nelle notti tua è la guida,
nei giorni tuo è il sicuro passo,
tu prezioso fiore d’incanto
sei quel treno dai binari tranquilli
sei l’unica forza a riempire di splendore.
(1116 letture dal 09/05/2015)
Altre poesie di Giovanni Monopoli

<< scorri poesie >>
<< Giovanni Monopoli >>
<< nello speciale >>
4 commenti a questa poesia:
   «Poetico compendio della grandezza della donna, come dolcezza che passa e rende tutto più bello!» di Nunziata Mannino    «Versi di grande amore e tenerezza
per la tua compagna e mamma dei vostri pargoli.
Sempre si evince che lei è una dolce compagna, dall'alba al tramonto, il suo sguardo raggiante illumina tutto.
Lei l'unica forza che splende sempre...
Una bellissima dedica!
Auguri!» di Doraforino    «LEI sposa, mamma, stupenda e nobile creatura, compagna fedele e musa ispiratrice di versi stupendi. Dedica bellissima per una donna straordinaria speciale.» di Sara Acireale    «Una società che ha male dentro, che manifesta dissapori in gesti inconsulti.
Testo forte e lucido. .» di Eolo
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.