Scrivere

Eppure, Credo

Saverio Chiti
(Festivita')
Speciale: "Speciale Pasqua"

Ci sono cose che ci lasciano senza fiato e la morte nel cuore,
accadono ogni giorno...
nonostante il nostro credere, nell'amore.
E rimaniamo sempre più, costernati dall'immensità delle persone
che non seguono la retta via, ma si lasciano ammaliare dal confine
quella labile linea che divide il bene dal male.

Eppure sono come me, credono!
È ciò che dicono, nel silente tacere
dimostrando anche a se stessi che la Fede è cosa rara
e la coerenza, merce da conquistare con caparbietà e sofferenza.
In molti però, continuamente delusi dal momento
hanno scelto la via ombrosa, della materia.

Non è così che avevo desiderato la mia vita,
io che spesso mi sono ritrovato alle porte
del buio confine, e ho scelto di sperare
anche quando tutto appariva perduto.

Eppure, credo!
È quel che mi ha salvato...
un pianto in una grotta, una vita di dottrina
un'immane sofferenza e una morte su di una croce,
ma anche un esempio da seguire
e parole che fanno del sentimento, una guida.

Ecco che allora, non è più il buio
il mio compagno, ma una splendida luce
a illuminare la mia Fede.
Io che mi sentivo perso...
finché nell'anima mia, ho sentito il grido
Eppure, Credo!
(1609 letture dal 03/04/2015)
Altre poesie di Saverio Chiti

<< scorri poesie >>
<< Saverio Chiti >>
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «La fede è un dono speciale e chi lo possiede è ricco di un bene inestimabile. Nella lotta, nelle sofferenze, nelle gioie, la fede è qui con noi, che la amiamo e la sosteniamo con la nostra fiducia in essa. Non si tratta di fede nella vita in generale, ma DELLA FEDE NEL DIO CHE TUTTO CREA E TUTTO AMA. Ed è ANCOR Più GRANDE. Perché è Fede in Dio...» di Ausilia Giordano
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.