Scrivere

Raccogliesti violette

Massimiliano Moresco
(Donne)
Speciale: "Festa delle Donne 2015"

Raccogliesti violette
con la camicetta
sbocciata
su prati illibati.

Volatili pesanti
zampettavano
avanti ed indietro
sereni e rapaci
denudandoti il respiro.

Eccoli! Con sguardi lucenti
fringuelli
in un momento
cinguettarono un canto
di compassione e sgomento.

Tu, col cuore gonfio,
gli donasti le viole,
le tue parole
dolci
raccolte dalla conchiglia.

E loro, guardinghi
guardarono il varco
che apristi sul drappo,
e d'intesa
piombarono sul viso
svaligiandoti il sorriso.

Mille baci punsero una rosa,
le sue spine gelose
nulla poterono
di fronte a becchi
e ad occhi di sbieco.
(1477 letture dal 08/03/2015)
Altre poesie di Massimiliano Moresco

<< scorri poesie >>
<< Massimiliano Moresco >>
<< nello speciale >>
5 commenti a questa poesia:
   «Poesia che sa mostrarela crudezza di una realtà (ahimè sempre attuale) con versi che conservano intatti la poetica espressiva, che riescono a disegnare immagini taluni davvero forti, senza alcun compiacimento di effetti cruenti...
Tematica che ritorna... ancora quì a rammaricarci di doverlo fare seppure nella splendida cornice di una poesia.» di nemesiel    «Duro e esauriente è il messaggio del poeta in questo giorno a consacrare il fiore di una nobiltà lesa nella sua dignità. Deplorevole violenza è scena molto drammatica per l'impatto sociale, dove si evidenzia la crudeltà animalesca di esseri ingordi nella voragine di una libidine decretante delitti contro indifese creature e la pubblica moralità.» di Giovanni Chianese    «L'amore donato a chi lo trasforma in violenza e cudeltà. Bellissimo il modo attraverso il quale il poeta ci trasmette il messaggio. Sembra una favola senza lieto fine o il testo di una affascinante canzone. In questo suo nuovo lavoro l'autore usa uno stile più diretto, meno oscuro, puntando direttamente al cuore ed è facile innamorarsi di questi versi, una storia di una tenerezza assoluta. Un grande lavoro.» di Pagu    «poesia che che scava profondamente
dentro ai millenni, dove non bastano giorni
a colmare quella voragine e quelle violenze che
nonostante le parole ritroviamo ogni istante...
Poesia delicata e incisiva al contempo!
Una delle poche che ho molto apprezzato!» di Patrizia Ensoli    «Un messaggio di crudele dolcezza, l'ingenuità del dono e l'inganno spregevole del sopruso . Intensa, bella!» di Franca Donà astrofelia
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.