Scrivere

Non invecchia l'amore

Melina Licata
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Non ha età il cuore
che batte ad ogni sguardo
non invecchia l’amore
che m’hai dato
e porti dentro.

Sorride l’argentea luna
nel regalar al tuo capo ogni riflesso
perché tenero è il tuo cuore e puro,
come un bimbo smarrito
in un mondo complesso.

Non ha età l’amore
mamma
né il candore dell’anima tua
che s’illumina ad ogni sorriso
ed ogni abbraccio che ti dono
benedici l’attimo condiviso.

Non invecchia la luce
né il calore di un magico sole
e sei luce, sei vita
mamma
e t’amo con tutto il mio cuore.
(1693 letture dal 11/05/2014)
Altre poesie di Melina Licata

<< scorri poesie >>
<< Melina Licata >>
<< nello speciale >>
3 commenti a questa poesia:
   «L'Amore materno, l'universale non può mai invecchiare, è luce di vita che va oltre la stessa vita, eterno il suo respiro. Piaciuta questa lirica che abbraccia tale profondo sentimento.» di Lilly C Arcudi    «L'Amore eterno e totale di una mamma non può invecchiare, rimane etrnamente giovane e si rinnova ogni giorno. Lamore è così: più se ne regala e più ne rimane in un flusso di energia continua e coinvolgente. Una lirica dedicata alla propria madre, impregnata di tanto affetto filiale e riconoscenza per quello che LEI ha saputo dare.» di Sara Acireale    «Una dedica alla propria madre dalla quale traspare un immenso amore filiale. L'amore materno è una conferma continua, non subisce rese dovute dallo scorrere del tempo, ma anzi si rinsalda e si moltiplica con il trascorrere degli anni. Un amore grande ed unico, forse il più importante nella vita di ciascuno. Molto apprezzata, contenuto molto dolce con una chiusa ricca d'amore.» di Paola Vigilante
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.