Scrivere

Rose a maggio

Carmelo Salvaggio
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

Oggi che il silenzio
veste di memoria il tuo nome,
parlano di te radicati ricordi
non cancellati dalla polvere del tempo.

È il tuo viso che mi sfugge,
invano cerco una volta ancora
d'accarezzarti la mano.

D'affetto e d'ansie
trascorsero gli ormai lontani giorni,
determinazione d'amore legò fili d'esistenza...

...e sempre, a maggio nascono le rose
mamma.
(361 letture dal 11/05/2014)
Altre poesie di Carmelo Salvaggio

<< scorri poesie >>
Carmelo Salvaggio >>
<< nello speciale >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.