Scrivere

Quando Dio suonava il violino

Hariseldom
(Famiglia)
Speciale: "Festa della mamma"

E c'erano i cavalli
belli e fieri erano i nostri cavalli.

E mia madre danzava
e raccontava storie nei fuochi
le storie d'Egitto
e del Popolo in cammino.

E c'erano i carri
i profumi dei fiumi
e mia madre che cantava
mentre noi giocavamo
nel bosco dei faggi.

E mia madre mi parlava della luna
mentre suonavano le viole
e i tamburi scandivano il tempo.

E c'era il Popolo che camminava
mentre mia madre mi raccontava
lungo quella strada
quando incontrammo
l'esercito dei teschi.

E quando mi separarono da mia madre
dal mio Popolo
dalla mia gente
ad Auschwitz
mia madre non c'era
e Dio stesso
si mise a suonare il violino
per noi
bambini gitani.
(894 letture dal 11/05/2014)
Altre poesie di Hariseldom

<< scorri poesie >>
<< Hariseldom >>
<< nello speciale >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.