Scrivere

Luce

Giuseppe Nacchia
(Amore)
Speciale: "San Valentino"

Sto pensando te
come si pensa
il calice di una rosa
nera.

Rossa, la tua bocca
è vortice
di parole non dette.

Violenta
sento uscire
dallo stomaco
rabbia

e profonda
è la tua sete.

Mentre sto soffocando
nel mio dolore
penso te,

amica, dal cuore dolce,
dalla tristezza vivace,
dalla bellezza velata.

Sei bianca, amore,
e bianco è il tuo seno.

Dormiremo insieme questa notte,
soffocati dai tormenti
di amplessi
ancestrali.
(1481 letture dal 14/02/2014)
Altre poesie di Giuseppe Nacchia

<< scorri poesie >>
<< Giuseppe Nacchia >>
<< nello speciale >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.