Scrivere

Anime nel tempo

Rosita Bottigliero
(Sociale)
Speciale: "Giornata della memoria"

Li han ricordati
con stendardi e medaglie,
sono i caduti della nostra gloria,

perfetti e sull’attenti,
li han colpiti nei loro intenti,
e sperar non si può,
diverso mondo non sarà.

Ricordiamo i loro nomi negli anni,
l’onda del tempo li ricorda stamani,

e spera, il fanciullo, studiando
la pace, nulla, sarà rimpianto.

Chiniamo il capo,
i caduti,
son anime nel tempo, e muti.

Memoria nei nostri cuori,
il silenzio,
irrompe, nei vuoti...
(1956 letture dal 09/05/2013)
Altre poesie di Rosita Bottigliero

<< scorri poesie >>
<< Rosita Bottigliero >>
<< nello speciale >>
7 commenti a questa poesia:
   «Veri Uomini semplici ed onesti nella sottile trappola di sorci giganti. Il silenzio non è muto, e immobili non si resta. Ci vien dietro una memoria gloriosa per un cammino, auspicabile, più sicuro... Non sono grida di parole ignote!
Apprezzata moltissimo!» di Mariasilvia    «Splendida lirica dedica a due uomini " eroi e martiri dei nostri tempi".Il loro esempio non solo materia di studio, ma scuola di rettitudine ed integrità morale nella vita dei nostri figli e della nostra.» di Poesiaerre    «Parole incisive che raccontano la nostra realtà dove passato, presente e futuro si rincorrono, talvolta, confondendosi.» di Daniela Cavazzi    «Grandi uomini della nostra democrazia, un omaggio alla loro storia composto da versi di eccellenza.» di Marco Vidotto    «grandi uomni che é giusto ricordare in una bella lirica come questa...» di carla composto    «Nell'archivio della nostra mente ci deve essere spazio per queste "anime nel tempo", per gli eroi che hanno dato la vita per una società più giusta, dignitosa e sgombra dalla mafia... Attraverso il ricordo, la mente prende coscienza e riempie di significato avvenimenti di un recente passato in una produttiva tensione per "comprendere" il sacrificio umano di persone lasciate da sole a combattere contro "belve umane" senza dignità...» di Sara Acireale    «Un ricordo molto intenso ed un ricordo
per non dimenticare mai coloro che hanno
sacrificato la loro vita per la libertà
e la giustizia.» di Alberto De Matteis
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.