Scrivere

19 luglio 1992, via D'amelio

antonio gariboli
(Sociale)
Speciale: "Giornata della memoria"

era l'ora del vespro...

dopo l'incrocio, il botto
tra il fumo acre carni dilaniate
corpi bruciati
un attimo di spavento
poi un quadro atroce
si mostra crudele
davanti agli occhi sgomenti

cammino tra le ombre
niente ha più colore
tutto è sbiadito
come una foto sfocata
un velo grigio avvolge ogni cosa
poi il silenzio delle sirene
e inizia il fragore dei pensieri

rivivo quel giorno
ricordando la polvere ingoiata
cadaveri a brandelli
rivoli di sangue
scorrere dagli occhi
e donne piangere
su bandiere ammainate.
(1376 letture dal 08/05/2013)
Altre poesie di antonio gariboli

<< scorri poesie >>
<< antonio gariboli >>
<< nello speciale >>
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.