Scrivere

Una lunga collana d’Amore dipinta di rosso

Anna Maria Scamarda
(Donne)
Speciale: "Festa delle Donne 2013"

Donna,
come sei fragile nel tuo vestito di cristallo
fiorito di stelle...

Non s’era sbagliato Dio
nella tua similitudine a un "fragile vaso di cristallo".

Lo vedi
ogni giorno
quante schegge volano in cielo...

Come fossero i bagliori degli ultimi fuochi
che squarciano il Velo della "Torre di Davide".
E al Suo Cuore Immacolato s’addormentano...

Chissà se, oltre Dio, qualcuno ha compreso cos’è la Fortezza
racchiusa fra i bagliori pregiati d’un fragile vetro.

Chissà se, oltre Dio, qualcuno lì fuori,
li vede quei frantumi lucenti...

Che s’alzano fra braccia pietose di nuvole stanche
bagnate di sangue.

E formano la Storia Infinita d’una lunga Collana d’Amore
dipinta di rosso.
(3871 letture dal 08/03/2013)
Altre poesie di Anna Maria Scamarda

<< scorri poesie >>
<< Anna Maria Scamarda >>
<< nello speciale >>
3 commenti a questa poesia:
   «Bellissimi questi versi, che con la forza di una verità certa e la chiarezza della trasparenza cristallina, raccontano di quell'Essere speciale chiamato Donna, che non sempre è apprezzato e soprattutto amato come si dovrebbe, dedicandole parole come perle... come perle d'Amore...!!! !!» di Antonella Scamarda    «Pregevole poesia in ogni verso e, non da meno il titolo, "Una lunga collana d'amore dipinta di rosso", che da solo è già molto significativo, forte, metaforicamente eccellente, e che rende bene tutto il contenuto del pensiero che l'autrice vuole trasmettere. Un messaggio che arriva dritto al cuore, espressivo e ben stilato. Un messaggio dal cuore di una donna per tutte quelle donne che soffrono e per tante che non vedranno mai più la luce.» di Rita Minniti    «Nell'apparente fragilità della donna, in fondo vi è un'enorme forza interiore che con tenacia cerca di superare le avversità della vita... Intensa e profonda questa tua dedica, pregna di molta spiritualità. Molto gradita.» di Angela Rainieri
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.