Scrivere

La Forza Che Muove La Vita

Daniela Pacelli
(Donne)
Speciale: "Festa delle Donne 2013"

Non esisteranno feste
a ridonare la vita
né la speranza
nella memoria lacerata di chi
ha visto la luce volare via

tra ombre violente
che hanno straziato l’anima
di una, cento, mille donne
sfrangiate
uccise
senza riuscire a gridare
umiliate nella dignità

Un mondo frastagliato
si cela tra i sorrisi
incollati sugli anelati volti
accigliati dai pensieri

Un universo immenso
connubio di colori
e arcobaleni di emozioni
è l’essere donna

dove la maschera dell’apparire
tinge solo il contorno
del labirinto variopinto dell’essere

Perché la donna che sei
è quell'albero di maggio
vestito di verdi speranze
ad abbellire l’involucro
e a dissetare la vista
col succo dei suoi frutti

ma quando il vento d’autunno
spoglia le vesti
tu sei ciò che il mondo vede

idee ramificate
intrecciate a veli di passioni
vuoti e voci
silenzi e ludici sogni
paura e talento

e non c’è niente di più bello

perché una donna
è la grande forza
che muove la vita
(3397 letture dal 08/03/2013)
Altre poesie di Daniela Pacelli

<< scorri poesie >>
<< Daniela Pacelli >>
<< nello speciale >>
1 commenti a questa poesia:
   «Una condanna a quei soprusi che hanno lacerato la vita a tante donne e che non sentiranno mai più l'odore della vita, della libertà. Una "festa" che non sarà tale per tante, per troppe, violentate, uccise, stuprate! Perché la donna è come un fiore, delicata passione, dolcezza infinita. Perché la donna... è una donna, come scrive l'autrice nei versi finali, dalla "grande forza/che muove la vita". Senza di essa... la stessa vita non ci sarebbe mai stata. Poesia sentita, scritta dal cuore sensibile di una donna per tutte le donne, con rabbia e malinconia, ma anche con tanto ma tanto amore.» di Rita Minniti
Indietro
Menu generale

Opera pubblicata ai sensi della Legge 22 aprile 1941 n. 633, Capo IV, Sezione II, e sue modificazioni. Ne è vietata qualsiasi riproduzione, totale o parziale, nonché qualsiasi utilizzazione in qualunque forma, senza l'autorizzazione dell'Autore.
La riproduzione, anche parziale, senza l'autorizzazione dell'Autore è punita con le sanzioni previste dagli art. 171 e 171-ter della suddetta Legge.